Serie B, chi sarà ripescato dopo la mancata iscrizione del Palermo

27 giugno 2019 - Francesco Fragapane

Situazione delicata in serie B. Il Palermo non è iscritto alla serie cadetta e si guarda già ai possibili ripescaggi

SERIE B E SERIE C: LA DECISIONE DELLA COVISOC

Ad oggi il Palermo non è iscritto al campionato di serie B. Ancora difficoltà per il club siciliano, i cui tifosi sono stati sottoposti a una dura altalena di emozioni in questi ultimi anni. Si registra un gran caos nella serie cadetta, con i rosanero che rischiano concretamente di ritrovarsi tra i Dilettanti, ovvero ripartendo dalla serie D.

Il problema è dato dalla documentazione incompleta che il club ha presentato per l’iscrizione. Insieme al faldone contenente la domanda, sarebbe stato necessario depositare anche una fideiussione da 800mila euro, entro le 23.59 di lunedì 24 giugno. Tutto ciò non è avvenuto e ora si attende la decisione della Covisoc, che si esprimerà tra il 3 e il 4 luglio.

SERIE C: CAOS RIPESCAGGI

Ripescaggi serie B: chi sostituirà il Palermo?

Il Palermo continua a professare calma, addossando le colpe a una società bulgara, la Lev Ins, che avrebbe dovuto emettere la polizza. Operazione non svolta, con i diretti interessati che spiegano di non aver mai ricevuto l’incarico. I tifosi chiedono a gran voce chiarezza e intanto, alle spalle dell’attuale società, muove i primi passi Ferrero, presidente della Sampdoria. L’imprenditore sta infatti considerando l’idea di acquisire il club siciliano, soltanto nel caso in cui retrocedesse in serie D. Una nuova partenza dunque, dal basso, per fare in modo di ridonare alla città la propria squadra simbolo.

Intanto il toto ripescaggio in serie B ha già avuto inizio. La situazione sembra però alquanto delineata, a differenza della serie C, dove gli equilibri sono ben più fragili e molti risultano essere i dubbi. La parola fine verrà messa il 12 luglio, quando si sarà espresso anche il Consiglio Federale, ma le chance per i rosanero sono ben poche, con il Venezia pronto a far festa.

Il club di Tacopina, eliminati ai playout contro la Salernitana, è in cima alla lista delle candidate per la serie B. Dopo aver saputo della mancata iscrizione, la società si è subito messa al lavoro per ottenere la riammissione alla serie cadetta, come confermato dal presidente, che si è detto sicuro di riuscire a ottenere tale risultato, fondamentale per la piazza e le ambizioni della squadra.

RIPESCAGGI SERIE B: LA DECISIONE DEL COVISOC

Serie B, Venezia contro Palermo

Tacopina, presidente del Venezia, si è espresso in maniera alquanto dura nei confronti del Palermo. Ha dapprima sottolineato la propria vicinanza ai tifosi rosanero, incolpevoli, per poi parlare di fatti incontrovertibili. Dal momento che la fideiussione non è stata depositata, non sarà possibile garantire proroghe, considerando il perentorio termine del 24 giugno per l’iscrizione.

Il Palermo invece prova a professare calma, con Salvatore Tuttolomondo, patron rosanero, che ha anticipato il proprio rientro a Roma per ovviare a questa delicata situazione. La versione del club è quella di un disguido tecnico e non finanziario. Intende dunque ritirare il documento in questione nella Capitale e consegnarlo il prima possibile a Milano, presso la Lega di B.

SERIE C: CALENDARIO, SORTEGGIO E PLAYOFF

PALERMO, L’ITER PER IL COMMISSARIAMENTO E IL BANDO PER LA NUOVA SOCIETÀ

TAG:
Superscudetto è tornato In palio per te un viaggio del valore di 4000 euro e tanti buoni Amazon! Scopri di più
Iscriviti gratuitamente per giocare a Superscudetto
Cosa stai aspettando? Registrati e inizia a sfidare i tuoi amici!