Ripresa Serie A: le ipotesi e le tappe per il campionato

14 aprile 2020 - Francesco Fragapane

Si studia la ripresa del campionato di Serie A non appena le condizioni lo renderanno possibile: ecco tutte le tappe da seguire

Con l’Italia ancora in quarantena a causa del Coronavirus, si iniziano a formulare le prime ipotesi sulla ripartenza della Serie A. Il campionato italiano è fermo dallo scorso 9 marzo, giorno in cui è andata in scena la sfida tra il Sassuolo e il Brescia. Tornare a giocare non sarà facile ma la volontà è quella di provare a ripartire e finire la stagione 2019/2020, senza però mettere a rischio la salute degli addetti ai lavori.

RIPRESA CAMPIONATO SERIE A: LE DATE

In questi giorni si stanno studiando tutte le ipotesi possibili per provare a mettere a punto un piano finalizzato alla ripartenza. Tutte le parti in causa si confrontano costantemente con il Comitato Medico Scientifico della Federcalcio. La condizione principale, ovviamente, è di farlo nella massima sicurezza per tutti gli addetti ai lavori: dai calciatori ai membri degli staff, passando per i giornalisti e per gli operatori televisivi.

Serie A, le ipotesi per la ripresa del campionato

Il Comitato Medico Scientifico della Federcalcio sta mettendo a punto il protocollo da osservare per la ripartenza: un protocollo che verrà presentato al presidente della FIGC Gabriele Gravina nelle prossime ore.

Si tratta di un passo importante per capire come si potrà tornare a giocare e quali saranno le tappe da seguire per arrivare al ritorno in campo. Prevista a breve anche una riunione di Lega, fondamentale per prendere atto del protocollo medico e prenderlo in considerazione per studiare delle ipotesi sulla possibile ripartenza. Qualora ripartisse il campionato, al momento le partite si giocherebbero a porte chiuse.

Coronavirus, le tappe da seguire per tornare agli allenamenti

Ogni società, per consentire ai propri calciatori di tornare ad allenarsi, dovrà passare per quattro tappe obbligate. Ogni tappa è finalizzata a garantire la massima sicurezza di tutti i tesserati.Il primo è quello delle pre-convocazioni. Le squadre andrebbero a richiamare tutti i propri giocatori per sottoporli ai test. I calciatori che nel frattempo sono andati all’estero dovranno osservare anche un periodo di quarantena.

Il secondo passo è quello del raduno, con i giocatori sottoposti ai vari controlli, dai tamponi agli esami sierologici. Successivamente bisognerà individuare i gruppi delle squadre perché non tutti i calciatori potranno lavorare insieme. Il quarto è ultimo passo sarà l’allenamento definitivo.

FIFA 20, SERVER DI EA DOWN

FIFA 21, PROBABILE DATA DI USCITA: CONSOLE E PREZZO