Calciomercato Inter, Marotta: "Rinnovo Icardi non è un caso, sono dinamiche normali"

14 gennaio 2019 - Enrico Gorgoglione

Beppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter, ha chiarito ancora una volta la posizione della società in merito al rinnovo di Mauro Icardi

La roboante vittoria dell’Inter per 6-2 contro il Benevento negli ottavi di finale di Coppa Italia non ha distolto l’attenzione dei tifosi e della stampa dalla questione rinnovo di Mauro Icardi. Le dichiarazioni di Wanda Nara e le esternazioni social dell’attaccante e capitano dell’Inter, che ha difeso l’operato di sua moglie, erano già state commentate da Beppe Marotta e il presidente Steve Zhang. Entrambi avevano minimizzato il caso, ma il dirigente nerazzurro ha ribadito la volontà del club al termine della sfida di Coppa Italia.

L’ex amministratore delegato della Juventus ha parlato ai microfoni della Domenica Sportiva: «Sì, ho detto ai tifosi di stare tranquilli. Non dobbiamo parlare di un caso Icardi, sono dinamiche tipiche in una società di calcio, soprattutto quando c’è l’approssimarsi delle scadenze contrattuali. Non credo ci saranno problemi entrambe le parti hanno intenzione di proseguire il rapporto e questo è un comune denominatore di buon auspicio per il futuro».

Rinnovo Icardi, le stoccate di Wanda Nara e la volontà dell’Inter

L’intenzione di rinnovare c’è, nonostante le piccole stoccate di Wanda Nara ancora non soddisfatta della proposta della società. La moglie e agente di Mauro Icardi aveva infatti manifestato insoddisfazione e l’assenza di una reale offerta: «Il rinnovo di Icardi con l’Inter è molto lontano a oggi. Ci sono club molto importanti interessati a Mauro, e siamo molto lontani da un accordo. Le cifre di cui si parla in Italia sul rinnovo non sono certe. Tuttavia non c’è ancora arrivata una proposta soddisfacente da parte dell’Inter». La società ha ribadito però più volte la volontà di tenere l’attaccante e di rinnovare il contratto, fermo restando che una trattativa è già in piedi da diversi mesi. Non è escluso che l’ultima offerta fatta al giocatore, formulata ormai diverse settimane fa, possa essere ulteriormente ritoccata.

Spalletti blinda Skriniar e Simeone spera di trattenere Diego Godin

Nel frattempo tiene banco anche il caso Skriniar che sempre tramite social aveva attaccato la stampa slovacca. Le voci di un possibile arrivo di Diego Godin avevano aperto all’ipotesi di una cessione. Sull’argomento è intervenuto Luciano Spalletti durante la conferenza stampa post partita. L’allenatore nerazzurro è stato perentorio sul futuro del difensore: “Serve un equilibrio relativo al trattamento di determinati calciatori. Nessuno ha i soldi per pagare Skriniar, resta qui: è un giocatore fuori prezzo per tutti”.

Nel frattempo poche ore prima Diego Simeone, allenatore dell’Atletico Madrid, spera ancora di trattenere Godin: «Immagino un Atletico Madrid con Diego Godin perché è nostro e spero che continui al livello che sta dimostrando ora. Nelle ultime tre partite ha giocato benissimo, abbiamo bisogno di lui, è il nostro capitano». Anche i tifosi non vogliono privarsi del capitano e hanno organizzato un sit-in di protesta di fronte al Wanda Metropolitano, lo stadio dell’Atletico. I sostenitori hanno contestato l’addio a parametro zero di Godin. L’intenzione è quella di far cambiare idea al calciatore, anche se ormai la decisione sembra presa. L’accordo con i nerazzurri è di due anni di contratto più un’opzione per il terzo a 4,5 milioni a stagione, 6 contando i bonus.