Conte dopo il derby: "La Champions ci ha dato la carica giusta"

22 Settembre 2019 - Enrico Gorgoglione

Le parole di Antonio Conte intervenuto in conferenza stampa dopo la sconfitta nel derby Milan-Inter

Gioca a Superscudetto

Antonio Conte ha parlato alla stampa dopo la vittoria dell’Inter nel derby di Milano. Tre punti conquistati con merito da parte dei nerazzurri che hanno dimostrato dal punto di vista del gioco e della cattiveria di essere una spanna sopra i cugini rossoneri. Decisivi Brozovic e Lukaku, i due protagonisti della settimana dopo il diverbio avuto nello spogliatoio al termine della sfida di Champions League. L’Inter ha sfiorato più volte anche il terzo gol con Politano e Candreva, legittimato ulteriormente la superiorità. Con questa vittoria la squadra di Antonio Conte guida la classifica a punteggio pieno.

MILAN-INTER, IL LIVE DEL DERBY

 

Milan-Inter, Antonio Conte in conferenza dopo il derby

Lo stesso Antonio Conte è tornato sulla vicenda tra Lukaku e Brozovic, autori dei gol decisivi: “Averne di problemi con gente come loro... Sono due ragazzi eccezionali, ma tutti quanti lo sono. A volte mi arrabbio con loro perché sono fin troppo bravi, invece in campo bisogna essere più smaliziati. Questo è un gruppo sano, che ha piacere di stare insieme. Ben vengano cose così, scorre sangue nelle vene e c’è voglia di migliorare”.

L’allenatore è tornato poi a parlare del derby vinto e dall’approccio avuto dalla squadra dopo il pareggio in Champions League: “C’è molta soddisfazione, i ragazzi hanno disputato un’ottima partita sotto ogni punto di vista. Venivamo da una prestazione che ci aveva lasciato l’amaro in bocca, che però ci ha dato ancora più carica per affrontare il derby nel migliore dei modi. Vittoria meritata, sono contento per loro e soprattutto per i tifosi”.

Conte ha parlato anche di Lukaku e dello stato di forma dell’attaccante: “Romelu è arrivato qui grazie alle sue potenzialità, se lavorato bene diventa un giocatore molto importante. Ha solo 26 anni, Lautaro ne ha 22. Sono ragazzi che vanno lavorati e io tramite il lavoro devo migliorare i miei giocatori, l’importante è che ci sia grande disponibilità da parte loro e me la stanno dando”. Infine parla della squadra e del livello espresso finora: “Ci sono state difficoltà per il viavai di giocatori che mi ha penalizzato un po’, ma dico al tempo stesso che abbiamo un’idea nella fase di possesso e non possesso. Oggi abbiamo pressato da squadra, a testimonianza che c’è del lavoro ma le idee poi devono essere concretizzate dai soldati in campo”.

SERIE A: IL CALENDARIO DELLA 4^ GIORNATA

SERIE A: IL CALENDARIO COMPLETO