Lazio, probabile formazione 2022 2023: i moduli di Sarri

26 Luglio 2022 - Enrico Gorgoglione

La probabile formazione della Lazio in vista della stagione 2022/2023: i moduli del tecnico dei biancocelesti Maurizio Sarri

Gioca a Superscudetto

Inizia il secondo anno di Maurizio Sarri sulla panchina della Lazio. La prima stagione del tecnico ex Juventus, Empoli, Napoli e Chelsea è stata contrassegnata da alti e bassi. Storicamente le squadre di Sarri hanno bisogno di tempo per assimilare gli schemi di un tecnico che predica un gioco offensivo con una difesa molto alta. I biancocelesti erano reduci da cinque stagioni e mezzo sotto la guida di Simone Inzaghi che aveva fatto del 3-5-2 un vero e proprio credo. Era fisiologico, dunque, aspettarsi una sorta di “rigetto” tecnico, soprattutto per il reparto difensivo.

VIDEO LAZIO-VERONA 3-3: GOL E HIGHLIGHTS

Nonostante qualche problema, una volta assimilati i dettami del mister, la Lazio ha avuto un buon ruolino di marcia, chiudendo la stagione al quinto posto. Nel prossimo campionato l’obiettivo è quello di alzare ulteriormente l’asticella, puntando a lottare per entrare in Champions League. Il mercato estivo ha portato diverse facce, rivoluzionando completamente la difesa. Al posto di Strakosha è arrivato il portiere portoghese Maximiano. Via Luiz Felipe, Sarri ha accolto tre nuovi difensori centrali: Romagnoli svincolato dal Milan, Casale acquistato dal Verona e Gila arrivato dal Real Madrid.

SERIE A 2022/2023: LE NUOVE MAGLIE DI TUTTE LE SQUADRE

Grande novità anche a centrocampo dove bisognava sostituire un totem come Lucas Leiva. Per rimpiazzare il brasiliano ex Liverpool è stato scelto un suo connazionale: Marcos Antonio. In attacco la società ha regalato a Sarri il giovane Cancellieri che può essere utilizzato come un vero e proprio jolly offensivo.

Lazio, probabile formazione 2022 2023: i moduli di Sarri

Maurizio Sarri viene spesso considerato come un integralista del 4-3-3, quando invece nel corso della sua carriera ha utilizzato anche altri moduli come il 4-3-1-2 e il 4-2-3-1. Di sicuro alla base della sua idea di calcio c’è una linea difensiva composta da quattro difensori e una predisposizione al gioco offensivo. La sua Lazio è stata concepita per il 4-3-3 con Maximiano in porta, Lazzari e Marusic sulle corsie laterali della difesa e Casale e Romagnoli al centro.

Marcos Antonio sarà il perno centrale del centrocampo con Cataldi a fare le sue veci in cabina di regia. Ai lati del brasiliano i titolari sono Milinkovic-Savic e Luis Alberto, con Basic e Akpa Akpro in seconda battuta. Davanti non si tocca Ciro Immobile: è lui il centravanti principe della Lazio. Cancellieri può essere la sua alternativa al centro dell’attacco, giocando anche da ala. Gli esterni offensivi sono Pedro, Felipe Anderson, Zaccagni e Romero: tanta abbondanza da alternare a seconda delle evenienze.

VIDEO JUVENTUS-LAZIO 2-2: GOL E HIGHLIGHTS