Calendario serie A: la guida ai criteri e ai vincoli del sorteggio

29 Luglio 2019 - Enrico Gorgoglione

I criteri e i vincoli previsti durante la compilazione dei calendari di serie A 2019/2020 in programma lunedì 29 luglio dalle 18.45

Chi vincerà gli Europei? Gioca su Sky Euro Bracket

Come ogni anno prima della compilazione dei calendari serie A, vengono pubblicati tutti i vincoli e i criteri previsti per ottimizzare al meglio il processo ed evitare annosi problemi. Quest’anno il sorteggio avverrà lunedì 29 luglio dalle 18.45 e come ormai da tradizione verrà trasmesso in diretta su Sky Sport 24 e Sky Sport Serie A, oltreché in streaming su skysport.it e sulla pagina Facebook di Sky. Nessun doppio programma andata e ritorno di ispirazione inglese, il calendario sarà tradizionale e giornata dopo giornata prenderà forma davanti ai rappresentanti delle 20 squadre di serie A che parteciperanno alla stagione 2019/2020.

SERIE A: PROGRAMMA PRIME DUE GIORNATE

Nessun big match alla prima giornata

Uno dei criteri previsti per quest’anno è l’impossibilità di poter assistere a big match o a derby alla prima giornata di campionato. Inter, Juventus, Milan, Napoli e Roma non potranno scontrarsi alla prima partita di campionato. Lo stesso criterio vale per gli scontri diretti tra le squadre della stessa città. Questo divieto vale anche per i tre turni infrasettimanali previsti per il 25 settembre, il 30 ottobre e il 22 aprile. Sempre per quanto riguarda le big, c’è un altro criterio inserito per questa stagione. Non ci saranno più weekend con big match a poche ore di distanza. Da quest’anno gli incontri tra Inter, Juventus, Milan, Napoli e Roma si disputeranno tutti in giornate differenti.

QUOTE SERIE A: I PRONOSTICI PER LO SCUDETTO

L’alternanza Parma-Atalanta e squadre della stessa città

Quest’anno è stata introdotta una nuova alternanza oltre a quella storica che riguarda i club della stessa città. Data l’indisponibilità del Gewiss Stadium per lavori di ristrutturazione, gli orobici giocheranno le prime partite interne al Tardini di Parma. Questo determina l’alternanza di incontri in casa e in trasferta tra Parma e Atalanta. Lo stesso criterio è ovviamente applicato anche a le genovesi Genoa e Sampdoria, le milanesi Inter e Milan, le torinesi Juventus e Torino e le romane Lazio e Roma. Solo nell’ultima giornata le due squadre della Capitale dovranno giocare entrambe in trasferta. Un’eccezione nata per l’indisponibilità dello stadio Olimpico in vista di Euro 2020. Ovviamente questo porta entrambe le squadre a giocare in casa nella diciannovesima giornata di serie A.

Escluse ripetizioni rispetto al calendario 2018/2019

Non ci sarà la possibilità di vedere le stesse partite della prima giornata dello scorso campionato. Quindi considerando la prima giornata del 2018/2019, quest’anno non sarà possibile assistere a Lazio-Napoli, Bologna-Spal, Inter-Sassuolo e Sampdoria-Fiorentina. Nessuna squadra può esordire con lo stesso avversario, mentre il discorso non vale dalla seconda giornata con la possibilità di vedere la stessa partita della scorsa stagione ma a campi invertiti (es. alla 2^ giornata Inter-Torino 2018/2019, quest’anno possibile vedere Torino-Inter). Nell’ultima giornata non possono incontrarsi tra loro, indipendentemente dall’ordine casa/trasferta, società che si sono già incontrate nell’ultima giornata dei Campionati 2017/2018 o 2018/2019.

Criteri per le squadre impegnate in Europa

Per salvaguardare il percorso in Europa delle squadre impegnate in Champions League ed Europa League, ci sono criteri ben precisi che verranno rispettati anche quest’anno. Juve, Napoli, Inter e Atalanta (Champions League), Roma, Lazio e Torino (Europa League) non potranno incontrarsi la 6ª, la 9ª, la 12ª e la 16ª di ritorno. Sono le giornate di campionato che cadono tra un turno di Europa League e uno successivo di Champions League.