Calciomercato Milan, le mosse per gennaio: Paquetà e Rodrigo Caio nella lista di Leonardo

15 novembre 2018

Tra infortuni e cambio di modulo, il Milan corre ai ripari buttandosi a capofitto sul calciomercato di gennaio. Per rinforzare la difesa si pensa a Cahill del Chelsea e Rodrigo Caio, ma a centrocampo e in attacco che si tenterà il colpaccio

Un posto in Champions League come obiettivo stagionale e una lista incredibile di infortunati da considerare. Il Milan approfitta della sosta per le nazionali per fare il punto della situazione. La sconfitta in casa contro la Juventus ha impedito ai rossoneri di ridurre le distanze dalle prime in classifica, ma ha palesato soprattutto la netta superiorità dei bianconeri. Il nuovo progetto del Milan è ancora in fase embrionale, l’arrivo di Leonardo e Paolo Maldini si è fatto sentire ma sulla carta c’è bisogno di tempo per dare effetti positivi anche sul campo. Intanto si lavora per migliorare la rosa, per sistemare gli esuberi e ricorrere urgentemente ai ripari dati i numerosi infortuni. Il cambio di modulo dal 4-3-3 al 4-4-2 e l’infermeria piena obbligano la dirigenza a pensare alla finestra di mercato di gennaio.

Calciomercato Milan, si punta in Inghilterra: Cahill e Fabinho

Oltre ai lungodegenti Biglia, Caldara e Musacchio, che resteranno ai box per diversi mesi, Gennaro Gattuso deve fare i conti anche con lo stop di Giacomo Bonaventura. Il centrocampista ha un’infiammazione al ginocchio e potrebbe saltare i prossimi 4-5 mesi in stagione. Secondo le ultime notizie l’operazione alla cartilagine sembra molto vicina e Bonaventura rientrerebbe a fine aprile. Ovviamente la situazione è palesemente d’emergenza e quindi Leonardo sta sondando più opzioni per coprire le lacune in rosa. Il nome più gettonato è quello di Gary Cahill del Chelsea. Il difensore centrale non rientra nei piani dell’allenatore Maurizio Sarri e già da qualche settimana ha annunciato la possibilità di lasciare Londra già a gennaio. La scadenza del contratto nel mese di giugno apre all’ipotesi di un prestito sino a fine stagione avallato dalla dirigenza del Chelsea. Tra le possibili squadre interessate al calciatore c’è ovviamente anche il Milan che potrebbe puntare su di lui per sostituire gli infortunati Caldara e Musacchio.  Sempre in Inghilterra, Leonardo sta studiando un vero colpo sempre in vista del mercato di gennaio. L’intenzione è quella di puntare a Fabinho, poco utilizzato da Klopp e che potrebbe essere un rinforzo fondamentale per il centrocampo rossonero.

Rodrigo Caio, un interesse mai sopito

Sempre in difesa un altro profilo gettonato è quello di Rodrigo Caio, difensore del Sao Paulo. Il calciatore, classe 1993, può essere impiegato anche come mediano e potrebbe coprire quindi due lacune nella rosa del Milan. La valutazione di Rodrigo Caio oscilla tra i 7 e i 10 milioni di euro e Leonardo sembra seriamente interessato al suo profilo. Non è la prima volta che il suo nome viene accostato al Milan, già ai tempi di Berlusconi il difensore aveva attirato le attenzioni del club. Ora però i buoni rapporti di Leonardo con Raì, direttore sportivo del Sao Paulo, potrebbero agevolare la trattativa. Nel frattempo lo stesso Rodrigo Caio spinge per la cessione e per realizzare il sogno di giocare in Europa.

La suggestione Ibrahimovic

Sul fronte attacco si attende l’arrivo di Lucas Paquetà, trequartista classe 1997, strappato al Flamengo per 35 milioni di euro. Il suo acquisto dovrebbe offrire un’ulteriore opzione a Gennaro Gattuso per la fase offensiva. Nel frattempo però ritorna in voga la suggestione Zlatan Ibrahimovic, grande amore dello svedese che non ha mai dimenticato l’esperienza in rossonero. Nella sua autobiografia “Io sono il calcio” ha raccontato della sua fatica a immaginare un futuro lontano dal Milan tanto da provare in ogni modo a far saltare il suo passaggio al Psg. Ora si spera in un ritorno di fiamma anche in vista della pausa del campionato statunitense. Ad accendere l’entusiasmo dei tifosi anche le parole dello stesso Ibrahimovic premiato come miglior nuovo arrivo del 2018 nel campionato statunitense. “Io sono il migliore, vorrei che anche la mia squadra fosse all’altezza di lottare per il campionato”. Un piccolo malessere che potrebbe essere placato con un trasferimento in prestito al Milan.