Cairo: "Sudditanza psicologica pro Juve, Cristiano Ronaldo non si è comportato da campione"

17 dicembre 2018 - Francesco Fragapane

Polemica di Urbano Cairo dopo Torino-Juventus: attacco su Var, arbitri e Cristiano Ronaldo

Il derby della Mole Torino-Juventus, disputato sabato sera e terminato con la vittoria di misura (0-1) della squadra campione d’Italia, fa ancora discutere. In queste ore, il presidente granata Urbano Cairo è tornato a parlare della stracittadina piemontese, non risparmiando attacchi alla direzione arbitrale e alla stella della Juve Cristiano Ronaldo. A decidere la sfida della sedicesima giornata di serie A è stato proprio un gol dell’attaccante portoghese, su rigore, al minuto 70. Grazie al successo contro il Torino, la squadra allenata da Massimiliano Allegri si è portata a quota 46 punti in classifica, dove è sempre prima a distanza di sicurezza (8 punti) dal Napoli. Gli uomini di Walter Mazzarri, invece, sono attualmente a metà classifica con 22 punti.

Torino-Juve, furia Cairo su Var e arbitri

Il presidente del Torino Urbano Cairo è intervenuto ai microfoni della trasmissione Radio Anch’io su Rai Radio 1 per commentare quanto avvenuto nel derby di sabato contro la Juventus: «Con la Juve siamo sfortunati, ho un elenco di episodi contro incredibile». Sul mancato utilizzo del Var in alcune occasioni durante Torino-Juve ha detto: «L’hanno visto tutti: una abbastanza evidente e plateale quando Matuidi ha spinto Belotti e l’altra quando Alex Sandro ha trattenuto Zaza. Sono due azioni almeno da andare a vedere al monitor. Non siamo gli unici, però, ad essere stati penalizzati. La stessa cosa è successa anche al Genoa con la Roma e alla Roma contro l’Inter».

Il presidente granata ha affrontato poi la delicata tematica legata alla sudditanza psicologica: «Penso che ci sia ancora verso le grandi. Negli ultimi anni contro la Juve, che è più forte del Toro, ad esempio, si sono verificati una serie di situazioni incredibili con almeno 5 episodi sfavorevoli al Toro che sono clamorosi».

Sul tema Var, Urbano Cairo ha chiarito ulteriormente il suo concetto: «Mi sembra che l’anno scorso ci siamo abituati al meglio ad avere un Var che scovava tutti gli errori ed era giusto mantenere il meglio. È come quando si dà a un popolo la democrazia e poi gliela si toglie. Penso che almeno 4-5 punti sicuramente ci mancano. Ora non c’è bisogno di ulteriori incontri con gli arbitri, ma il Var va solo usato».

Torino-Juve, polemica Cairo contro Cristiano Ronaldo

Nel corso dell’intervista odierna, Urbano Cairo ne ha avute anche per Cristiano Ronaldo, protagonista di un contatto col portiere granata Ichazo dopo il rigore segnato nel derby. Il presidente granata ha parlato così dell’attaccante portoghese: «Un campione come Ronaldo, un gesto così non lo dovrebbe fare mai. Schernire un portiere che quasi gli parava un rigore… Se fosse un campione, come sembra, una cosa così non dovrebbe farla». Proprio sul rigore concesso ai bianconeri nel derby, il presidente del Torino ha inoltre dichiarato: «Parlerò con Zaza ma c’è un concorso di colpa con il portiere Ichazo. Il Toro quest’anno è forte, abbiamo fatto una grande gara con la Juventus».

Nel prossimo turno di campionato, la diciassettesima giornata di serie A, il Torino è atteso dalla trasferta sul campo del Sassuolo, avanti di due lunghezze in classifica rispetto alla squadra granata.