Frosinone, Baroni nuovo allenatore dopo l'esonero di Longo

19 dicembre 2018 - Luca Guerra

Il Frosinone ha scelto di tentare la scalata alla salvezza in serie A con Marco Baroni, dopo l'esonero di Longo

L’ultima sconfitta del Frosinone, in casa contro un Sassuolo straripante, è costata carissimo a Moreno Longo, esonerato dalla società dopo 16 giornate di serie A. La squadra ripartirà sotto la guida di Marco Baroni, a caccia di punti chiave già dal prossimo match, che sarà particolarmente delicato. Il 17esimo turno prevede infatti Udinese-Frosinone, un vero e proprio scontro diretto in chiave salvezza. Il Chievo ha perso l’opportunità di avvicinarsi ulteriormente al penultimo posto, pareggiando con la Spal, il che offre alla squadra di Baroni la possibilità di gestire un vantaggio di quattro punti, gli stessi che il Bologna di Inzaghi vanta dopo il pari a reti inviolate contro il Milan di Gattuso. È necessario cambiare marcia e farlo in fretta, con Baroni che proverà a dare al gruppo quella grinta e coesione che caratterizzavano il suo Benevento.

Frosinone, le parole di Marco Baroni

Marco Baroni è il nuovo tecnico del Frosinone e si è subito presentato in conferenza stampa, a pochi giorni dal match contro l’Udinese. Si è detto pronto a lavorare con i ragazzi, perché il suo intervento sarà inizialmente soprattutto a livello umano: “Io vivo di entusiasmo e ritengo che questo sia la base di qualsiasi avventura e sfida. Non ho avuto nessun dubbio nell’accettare la panchina”.

La squadra dovrà dimostrargli d’esserci ancora e di voler lottare per tutto il resto della stagione, provando ad agguantare una sudata salvezza. È questo il punto centrale della sua conferenza, nel corso della quale Baroni ha tentato di restare quanto più distante possibile dai discorsi tattici. In rosa avrà inoltre a disposizione Chibsah, avuto anche al Benevento. La sua presenza potrebbe essere chiave per inserirsi al meglio nello spogliatoio, fin da subito: “L’ho avuto anche alla Juventus. Ho iniziato a crescerlo da lì. Non voglio però concentrarmi sui nomi, preferisco avere un primo contatto con la squadra il prima possibile. Voglio salire sul pullman e poi scendere in campo. Abbiamo poco tempo e non intendo sprecare neanche un secondo”.

Come giocherà il Frosinone di Baroni

Il calcio in Italia vive di tattica e così l’arrivo di Marco Baroni sulla panchina del Frosinone porta delle ovvie domande sul nuovo schieramento in campo. Contro l’Udinese ci si sarebbe aspettato un 3-4-1-2 da parte di Longo, che potrebbe in parte essere confermato dal nuovo tecnico.

In conferenza stampa Baroni ha infatti più volte sottolineato come la tattica non trovi spazio al momento. Non è infatti possibile stravolgere una squadra, men che meno alla sua prima gara dopo il cambio in panchina: “Ho già giocato con una difesa a tre. L’ho fatto alla guida della Primavera della Juventus e ho vinto la Coppa Italia. Non è questo il tema di discussione al momento”.

Ha però intenzione di cambiare qualcosa, magari dalla 18^ giornata di serie A, provando a dare maggior stabilità a una rosa che subisce particolarmente il gioco degli avversari. Il Frosinone non può più attuare una tattica attendista, se intende salvarsi. Col passare delle giornate dunque si potrebbe passare al 4-3-3, per poi modificarlo nel suo preferito 4-2-3-1, con iniziali esperimenti a gara in corso. Un processo che richiederà un po’ di tempo, per questo oggi è importante che la squadra lotti con le unghie e con i denti, al di là dello schieramento.

News SUPERSCUDETTO.IT