Serie A, mosaico completo: tutti gli allenatori della prossima stagione

23 giugno 2019 - Enrico Gorgoglione

Tutti gli allenatori della serie A, dai campioni d'Italia della Juventus alle neo promosse dalla serie B

Tutte le squadre di serie A hanno una guida tecnica, con Sarri, Giampaolo e Di Francesco che sono stati gli ultimi annunciati, rispettivamente da Juventus, Milan e Sampdoria. Ecco dunque un’analisi di tutti gli allenatori che scenderanno in campo nel massimo campionato italiano nella stagione 2019-20.

Juventus, allenatore: Maurizio Sarri

Tra le polemiche dei tifosi bianconeri e il dolore di quelli del Napoli, Maurizio Sarri è divenuto il nuovo allenatore della Juventus. La società di Agnelli intende lanciare un nuovo assalto alla Champions League, sfiorata per due volte e sfuggita altrettante durante il periodo di gestione di Allegri. Ronaldo e gli altri bianconeri si ritroveranno a confrontarsi con il gioco mnemonico di Sarri, più europeo e meno tattico.

Napoli, allenatore: Carlo Ancelotti

Carlo Ancelotti è pronto per il suo secondo anno alla guida del Napoli. Questa sarà per lui una stagione cruciale, dopo la prima di apprendistato. Il tecnico si è reso protagonista del mercato, indicando alcuni elementi della rosa da mettere in vendita e altri da inserire in rosa. Dopo anni trascorsi al secondo posto, gli azzurri intendono lottare fino alla fine per il primato.

Atalanta, allenatore: Gian Piero Gasperini

L’accesso in Champions League è un risultato eccellente, al di là delle aspettative di Gasperini. Il tecnico è stato tentato ma ha infine deciso di restare all’Atalanta, il cui mercato parla chiaro. C’è voglia di confermare il proprio piazzamento nella parte alta della classifica, così come riuscire a regalarsi un sogno, avanzando il più possibile in Coppa. Si spiega così la voglia di trattenere a tutti i costi Zapata, nel mirino del Napoli, e l’acquisto di Muriel.

Inter, allenatore: Antonio Conte

Antonio Conte come Maurizio Sarri, un tecnico alle prese con un ambiente ostile, considerando il suo passato. L’ex ct dell’Italia e tecnico della Juventus è però pronto a guidare l’Inter verso l’alto, in serie A come in Champions League. La sua squadra sarà rabbiosa e fisica, con alcuni singoli di qualità pronti a fare la differenza. Insieme con il Napoli, l’Inter darà la caccia al primo posto, rendendo il campionato più spettacolare.

Milan, allenatore: Marco Giampaolo

Finalmente Giampaolo ha avuto la chance attesa tanto a lungo, quella di guidare una big del campionato italiano. Il Milan ha puntato su di lui dopo l’addio di Gattuso. Ancora una volta i rossoneri ripartiranno da zero, con l’ex Sampdoria pronto a dare un gioco offensivo alla squadra, che nella prossima stagione potrebbe non disputare l’Europa League.

Roma, allenatore: Paulo Fonseca

Fonseca ha accettato la panchina della Roma, il che vuol dire accettare una vera e propria sfida. Il club giallorosso si ritrova nuovamente a rifondare il gruppo, in termini di rosa e, in parte, di società. Gli addii di De Rossi e Totti pesano come macigni, con il pubblico che osteggia chiaramente Pallotta. Alcuni elementi della rosa partiranno, come evidenziato dal tabellone del calciomercato, considerando le necessità economiche della società, con l’allenatore chiamato a dare un’identità a questo gruppo, provando a dare il via a un ciclo dopo anni di incertezze.

Torino, allenatore: Walter Mazzarri

Walter Mazzarri intende proseguire il suo ottimo lavoro alla guida del Torino. Nell’ultima stagione è arrivato a un passo dall’Europa League, mancandola alla penultima giornata di campionato, perdendo contro l’Empoli. I granata sognano la Coppa, a scapito del Milan, con l’allenatore che proporrà ancora una volta una formazione grintosa, nella speranza che Cairo confermi i suoi gioielli.

Lazio, allenatore: Simone Inzaghi

Non sono mancate le tentazioni ma Simone Inzaghi ha ancora una volta scelto la Lazio. La rosa lo segue e, dopo la vittoria della Coppa Italia, si spera di inizare la stagione nel migliore dei modi, battendo la Juventus nella Supercoppa Italiana. L’obiettivo per il campionato 2019-20 è di certo quello di confermare la zona europea, provando a raggiungere la Champions e, al tempo stesso, proseguire il più possibile in Coppa, nonostante alcuni possibili addii in rosa.

Sampdoria, allenatore: Eusebio Di Francesco

Di Francesco riparte dalla Sampdoria dopo il brusco addio con la Roma. Il tecnico è pronto a proseguire il lavoro portato avanti negli ultimi anni da Giampaolo. I blucerchiati si ritroveranno nuovamente a giocare con un assetto offensivo, con il tecnico che vorrebbe al proprio fianco un vecchio pupillo dei tempi del Sassuolo: Berardi.

Bologna, allenatore: Sinisa Mihajlovic

Mihajlovic è riuscito a salvare il Bologna nell’ultima stagione, riprendendo le redini giusto in tempo, in una situazione che sembrava in parte compromessa. L’obiettivo è quello di riuscire a dare una chiara identità alla squadra, raggiungendo la salvezza con maggior anticipo e minori rischi nella prossima annata.

Sassuolo, allenatore: Roberto De Zerbi

Roberto De Zerbi è stato confermato alla guida del Sassuolo. Di certo è uno dei tecnici più interessanti della serie A, con il suo gioco offensivo. Nei prossimi anni potrebbe garantirsi una chance in una big, proponendo schieramenti che non hanno timore di palleggiare ovunque, anche sul campo delle grandi del campionato. Intanto prosegue il proprio percorso al Sassuolo, inseguendo il sogno di una lotta per l’Europa League.

Udinese, allenatore: Igor Tudor

L’Udinese di Tudor ha rischiato concretamente la retrocessione nell’ultima stagione, riuscendo infine ad arrivare all’ultima giornata senza rischi, salvandosi però soltanto nella penultima. Con alcuni elementi che potrebbero dire addio alla rosa, Tudor dovrà essere bravo a riagguantare la permanenza in serie A e, al tempo stesso, sviluppare il potenziale dei giovani di belle speranze acquistati dalla famiglia Pozzo, celebri scopritori di talenti.

Spal, allenatore: Leonardo Semplici

Più che positiva la stagione della Spal di Semplici, che intende ripetersi nella prossima annata. Il club dovrà però riuscire a sostituire sapientemente i calciatori messi nel mirino dai club italiani, che in questo mercato diranno addio alla rosa.

Parma, allenatore: Roberto D'Aversa

Una stagione a due velocità per il Parma di D’Aversa, partito a mille e calato nel girone di ritorno, soprattutto dopo l’assenza forzata di Gervinho. D’Aversa dovrà ora trovare un’alternativa a Inglese, il cui riscatto dal Napoli prevede cifre eccessive per il club. Il sogno è quello di salvarsi serenamente, anche se il Parma visto nella prima parte dello scorso anno potrebbe anche mettere in difficoltà società che ambiscono al sesto posto.

Cagliari, allenatore: Rolando Maran

Stagione altalenante per il Cagliari di Maran. Il tecnico è stato confermato e spera che le voci di mercato non portino via dalla sua rosa Pavoletti, vero trascinatore della squadra. I suoi gol potrebbero garantire una nuova salvezza, magari più serena rispetto allo scorso anno.

Fiorentina, allenatore: Vincenzo Montella

La Fiorentina ha vissuto la stagione più delicata degli ultimi anni. Ha seriamente rischiato la retrocessione dopo l’addio di Pioli. Montella ha faticato non poco ed è stato a un passo dall’esonero dopo il passaggio della proprietà dai Della Valle a Commisso. La nuova società ha deciso di dargli ancora fiducia, puntando a una stagione che possa riavvicinare il pubblico viola, per ora rasserenato dalla voglia di trattenere a ogni costo Federico Chiesa.

Genoa, allenatore: Aurelio Andreazzoli

Dopo l’addio di Piatek a gennaio, il Genoa ha seriamente rischiato di ritrovarsi in serie B. I tifosi hanno prontamente contestato Preziosi, che ha affidato la squadra ad Andreazzoli. L’idea è quella di riuscire a ripartire con un gioco ben definito e soprattutto offensivo. Il nuovo Genoa dovrà fare proprie le partite e non attendere l’avversario.

Brescia, allenatore: Eugenio Corini

Corini sta provando a fare qualcosa di molto difficile, essere profeta in patria. La promozione in serie A non cambierà le sue idee tattiche, provando a garantirsi la salvezza con il 4-3-1-2. Uno schieramente offensivo, nel quale il tecnico spera di poter contare ancora sui giovani talenti della sua rosa. Uno di questi è senza dubbio Tonali che, nonostante le tante richieste, potrebbe restare al brescia e completare il proprio processo di crescita.

Lecce, allenatore: Fabio Liverani

Quella del Lecce è stata una cavalcata gloriosa e inattesa. Una doppio promozione da sogno, che ha ridonati agli appassionati un po’ di quel romanticismo calcistico che di anno in anno si teme vada perduto. Dopo una lunga attesa, Liverani avrà modo di guidare il Lecce in serie A, dopo un’assenza molto lunga, dal 2012 per l’esattezza.

Verona, allenatore: Ivan Juric

Dopo il Genoa, Juric riparte del Verona. Contratto di un anno per lui, che avrà il compito di garantire la salvezza all’Hellas, che ha deciso di non confermare Aglietti dopo quanto di buono fatto. Per garantirsi una chance di permanenza in A però sarà necessario operare un mercato all’altezza, a partire da Lapadula, che Juric vorrebbe titolare nel proprio schieramento.

Iscriviti gratuitamente per giocare a Superscudetto
Cosa stai aspettando? Registrati e inizia a sfidare i tuoi amici!