Fantacalcio, due centravanti per il Milan: cosa fare con Piatek e Cutrone

31 gennaio 2019 - Enrico Gorgoglione

Cosa fare al Fantacalcio con Piatek e Cutrone: il polacco ha segnato subito una doppietta in Coppa Italia, l'italiano è uno dei pupilli di Gattuso

Piatek non è arrivato al Milan in punta di piedi: acquistato dal Genoa per sostituire Higuain, il bomber polacco ha subito messo le cose in chiaro. Qualche minuto in campionato contro il Napoli per prendere le misure della porta di San Siro e doppietta all’esordio dal primo minuto in maglia rossonera, nella gara di Coppa Italia proprio contro i partenopei. Un inizio con il botto, di quelli che fanno sognare i tifosi, giustificano i 35 milioni di euro spesi per portarlo a Milano e fanno diventare meno dolorosa la cessione di Higuain.

Il ‘Pistolero’ lo aveva detto durante la conferenza stampa di presentazione: “Sono pronto, sono nato pronto”. Parole chiare, come è chiara la sua confidenza con il gol. In questa stagione, tra Genoa e Milan, ne ha già messi a segno 21, e siamo solo a gennaio. Il gol nel sangue come stile di vita: ne segnava tanti in Polonia, ne sta segnando tanti in Italia. Quando scende in campo non vede nulla se non la porta avversaria, da gonfiare in ogni modo possibile. Gennaro Gattuso si lecca i baffi, ma all’orizzonte si profila un piccolo problema per il tecnico rossonero. Con un Piatek già così decisivo, quale sarà il destino di Cutrone? Il dubbio attanaglia anche i fantallenatori di Superscudetto che non sanno su quale dei due attaccanti puntare.

Consigli Fantacalcio, chi scegliere tra Piatek e Cutrone

Quello tra Piatek e Cutrone rischia di diventare un vero e proprio dualismo, ancora più marcato rispetto a quanto successo nella prima parte di stagione tra il giovane attaccante italiano e Gonzalo Higuain. Sia in campionato che in Europa League, Cutrone ha giocato in diverse occasioni al fianco del ‘Pipita’, con Gattuso che ricorreva spesso e volentieri ad un modulo con due punte di ruolo. Soluzione tattica ormai abbandonata dal tecnico a favore del 4-3-3, modulo che sta dando sempre più garanzie. Schierando il tridente, in campionato sono arrivate due vittorie con Spal e Genoa, e un pareggio contro il Napoli, prima del successo in Coppa Italia ancora con gli azzurri.

Vista la condizione attuale di Piatek, è lui il centravanti titolare nel terzetto offensivo del Milan. Al momento, il polacco appare intoccabile e chi temeva che l’addio al Genoa potesse andare ad intaccare la sua media sotto porta, può già iniziare a tirare un sospiro di sollievo. Cosa fare con Cutrone? Domanda lecita tra i tanti Fantallenatori di Superscudetto che hanno deciso di puntare sul giovane bomber italiano. Fin qui, Cutrone ha realizzato tre reti e due assist vincenti in diciotto gare di campionato, molte delle quali giocate entrando dalla panchina.

Milan, abbondanza in attacco per Gattuso

Alla vigilia di Milan-Napoli di Coppa Italia, Gattuso aveva dichiarato: “L’attaccante titolare? Se la giocano Piatek e Cutrone”. Un segnale importante anche in previsione futura: allo stato attuale, l’allenatore rossonero vede la sua squadra con una sola punta di ruolo. Piatek è il titolare del Milan e Cutrone la prima alternativa pronta ad entrare in campo nella ripresa. In passato, Cutrone ha giocato anche da esterno d’attacco, ruolo che però ne limita le qualità di rapace in area di rigore. Nel concorso Superscudetto, Piatek costa 37 crediti, mentre Cutrone si acquista sborsandone uno in meno. Costi non proibitivi per due attaccanti di valore. In vista di Roma-Milan, Piatek si fa preferire perché è in forma e partirà dal primo minuto. Ragionando a lungo termine, però, Cutrone non è uno da lasciarsi scappare. Da qui alla fine del campionato, riuscirà nuovamente a dire la sua.