Mondiali femminili in Francia: bilancio, numeri e curiosità dell'edizione 2019

6 Luglio 2019 - Enrico Gorgoglione

Il bilancio dei seguitissimi Mondiali di calcio femminili 2019. Un mese di sport per rilanciare il calcio al femminile nei vari Paesi del mondo

Sfida subito gli esperti Sky sui pronostici della SERIE A

Il 7 giugno 2019 hanno avuto inizio i Mondiali femminili di calcio. Un’edizione dal grande seguito mediatico che, a detta di molti, potrebbe consentire un netto rilancio delle competizioni femminili nei vari Paesi del mondo. Un chiaro esempio è dato dall’Italia, che ha seguito con grande attenzione e trasporto il percorso delle Azzurre guidate dalla ct Milena Bertolini. Un’edizione che ha visto l’esordio del video assistant referee, ovvero il VAR.

La competizione si è svolta in Francia, in lotta con la Corea del Sud per l’assegnazione della manifestazione. Nove gli stadi selezionati per le sfide in programma:

  • Parco Olympique Lyonnais, Lione
  • Parco dei Principi, Parigi
  • Allianz Riviera, Nizza
  • Stadio della Mosson, Montpellier
  • Roazhon Park, Rennes
  • Stade Océane, Le Havre
  • Stade du Hainaut, Valenciennes
  • Stadio Auguste Delaune, Reims
  • Stade des Alpes, Grenoble

Sono state 24 le squadre ammesse ai Mondiali femminili di calcio, con Infantino, Presidente delal FIFA, che si è detto esaltato dallo spettacolo offerto in campo, tra agonismo e tecnica, e per questo vorrebbe che fossero 32 le partecipanti nella prossima edizione. Con 5 posti per l’Asia, 3 per l’Africa, altrettanti per il Centro e Nord America, 2 per il Sud America, 1 soltanto per l’Oceania, 8 per l’Europa e 1 per Francia e la vincente dello spareggio tra Centro, Nord America e Sud America. Ecco tutte le partecipanti:

  • Francia
  • Cina
  • Thailandia
  • Australia
  • Giappone
  • Corea del Sud
  • Brasile
  • Cile
  • Spagna
  • Italia
  • Inghilterra
  • Scozia
  • Norvegia
  • Svezia
  • Germania
  • Canada
  • Stati Uniti
  • Giamaica
  • Paesi Bassi
  • Argentina
  • Nigeria
  • Sudafrica
  • Camerun
  • Nuova Zelanda

La struttura del torneo ha previsto il passaggio del turno dopo i gruppi di tutte le prime classificate e della miglior seconda. Questa prima parte ha visto trionfare Francia, Norvegia, Nigeria, Germania, Spagna, Cina, Italia, Australia, Brasile, Inghilterra, Giappone, Paesi Bassi, Canada, Camerun, Stati Uniti e Svezia.

L’Italia ha superato l’ostacolo Cina, vincendo per 2-0, per poi incappare in un doloroso 0-2 contro i Paesi Bassi, che hanno proseguito la propria marcia fino in finale, avendo la meglio di misura della Svezia. Il 7 luglio, alle ore 17.00, si disputerà l’ultimo atto dei Mondiali femminili di calcio, con in campo Stati Uniti e Paesi Bassi. Terzo posto a un’ottima Svezia, vincente per 1-2 contro l’Inghilterra.

Favorite fin da principio, le atlete degli Stati Uniti non possono che esserlo anche in questa finale contro i Paesi Bassi. Sarà una gara dal risultato tutt’altro che scontato ma le detentrici del titolo sembrano avere ancora qualcosa in più rispetto alle avversarie in gara. Un successo a stelle e strisce sarebbe il quarto in otto tornei, il che rafforzerebbe la leadership americana nel calcio femminile.

La prima edizione dei Mondiali femminili si è disputata in Cina nel 1991. Da allora a sollevare il trofeo sono state soltanto quattro Nazionali differenti: Stati Uniti, Norvegia, Germania e Giappone. Per la prima volta in assoluto si è qualificata una squadra caraibica, la Giamaica, che deve ringraziare soprattutto Cedella, figlia di Bob Marley. La donna ha infatti contribuito a rilanciare la squadra, divenendo ambasciatrice e sponsorizzando la crescita del gruppo dopo i tagli ai fondi da parte della Federazione giamaicana. Le altre debuttanti sono: Cile, Scozia e Sudafrica.

TAG: