Mandragora alla Fiorentina, ruolo e perché comprarlo al fantacalcio: i nostri consigli

7 Luglio 2022 - Enrico Gorgoglione

La Fiorentina punta su Mandragora per sostituire Torreira: ruolo, caratteristiche tecniche e valutazioni per l'asta del fantacalcio

Gioca a Superscudetto

In questa sessione di calciomercato la Fiorentina aveva bisogno di un centrocampista che colmasse il vuoto lasciato da Torreira. L’urguayano ha lasciato i viola dopo l’esperienza in prestito dall’Arsenal e Vincenzo Italiano necessitava di un suo degno sostituto. La scelta della società per rimpiazzare Torreira è caduta su Rolando Mandragora, acquistato dalla Juventus che deteneva il suo cartellino dopo il prestito al Torino. Ecco le caratteristiche tecniche del centrocampista italiano e le considerazioni da fare in ottica fantacalcio.

VIDEO TORINO-ROMA 0-3: GOL E HIGHLIGHTS

Mandragora alla Fiorentina: ruolo e perché prenderlo al fantacalcio

Originario di Napoli dove è nato nel 1997, Mandragora nel corso della sua giovane carriera ha già maturato diverse esperienze: dalle giovanili del Genoa al Pescara, passando per Crotone, Udinese e Torino. In mezzo una sola presenza in Serie A con la Juventus, la società proprietaria del suo cartellino fino alla cessione a titolo definitivo alla Fiorentina.

QUANDO ESCE IL LISTONE FANTACALCIO 2022: DATE E RUOLI

In maglia viola Mandragora ha l’opportunità di affermarsi definitivamente dopo quanto di buono mostrato nelle ultime stagioni. In modo particolare l’ultimo campionato con la maglia del Toro lo ha visto collezionare 20 presenze, guadagnandosi la stima del tecnico Juric. Mandragora è un centrocampista in grado di coniugare sostanza e qualità. Può giocare sia da regista, impostando il gioco, che da mediano. Nella testa di Italiano c’è la volontà di schierarlo come vertice basso del suo centrocampo a tre, nel ruolo di playmaker già ricoperto da Torreira.

VIDEO VERONA-TORINO 0-1: GOL E HIGHLIGHTS

Solitamente giocatori con queste caratteristiche non rappresentano le prime scelte al fantacalcio, per via della difficoltà nel portare bonus in dote. Lo stesso Mandragora, tra l’altro, ha segnato appena tre gol negli ultimi due campionati di Serie A tra Udinese e Torino. Al tempo stesso, però, può essere un profilo affidabile per costruire il reparto di centrocampo. All’asta si consiglia di puntare su di lui come quinto, sesto o settimo slot nelle leghe da 10 squadre.