Consigli fantacalcio: cosa ci hanno detto le prime 7 giornate di Serie A

7 ottobre 2019 - Francesco Fragapane

Il bilancio del fantacalcio dopo le prime sette giornate di Serie A: promossi, bocciati, sorprese e delusioni del campionato

La sosta per gli impegni delle Nazionali offre uno spunto per tirare le somme sulle prime sette giornate di campionato in ottica fantacalcio. L’avvio di stagione ha regalato gioie e delusioni ai fantallenatori. Dai punti fermi Immobile e Zapata alle delusioni Milik e Piatek, passando per le sorprese Mancosu e Alfredo Donnarumma. Ecco cosa ci hanno detto le prime 7 giornata di fantacalcio.

INFORTUNIO DUVAN ZAPATA: LE CONDIZIONI

I punti fermi: Immobile e Zapata

Le prime sette giornate di fantacalcio hanno regalato molte soddisfazioni ai fantallenatori che hanno deciso di puntare con forza su Ciro Immobile e Duvan Zapata. Sono loro i due attaccanti in cima alla classifica dei marcatori, rispettivamente con 7 e sei gol. Il bomber della Lazio era chiamato a riscattarsi dopo una stagione, quella scorsa, chiusa con appena reti all’attivo. Un bottino di tutto rispetto ma inferiore ai numeri dei suoi primi due campionati con la maglia biancoceleste: 23 centri il primo anno, 29 il secondo. Il colombiano dell’Atalanta, invece, ha cominciato la nuova stagione facendo esattamente quello che ha fatto l’anno scorso: segnare. L’obiettivo, per il bomber di Gasperini, è superare i 23 gol messi a segno nel campionato 2018/2019.

Sensi, Pjanic, Tonali: la rinascita dei piedi buoni

L’avvio di campionato ha segnato la rinascita dei centrocampisti tecnici, in grado di risolvere le partite con una sola giocata. Qualità al potere in mezzo al campo, con tanti bonus a referto. Partenza da sogno per Stefano Sensi, scelto in estate per aumentare il tasso qualitativo dell’Inter. L’ex Sassuolo è l’uomo in più dei nerazzurri e i suoi numeri al fantacalcio parlano da soli: 3 gol e 2 assist in 7 partite con una media voto di 6.93. Grande inizio di stagione anche per Miralem Pjanic, forse mai così decisivo da quando ha lasciato la Roma per vestire la maglia della Juventus. Il bosniaco ha segnato 2 reti e servito un assist vincente ai propri compagni, partendo sempre da titolare.

SERIE A 2019-2020: IL CALENDARIO

Per Tonali è difficile parlare di sorpresa, visto che il centrocampista del Brescia è da tempo indicato come uno dei prospetti più importanti del calcio italiano. A sorprendere è la personalità con la quale ha affrontato il salto di categoria. Bene anche la prima parte di stagione di Pellegrini della Roma, infortunio a parte, e Luis Alberto della Lazio. Lo spagnolo, con 5 assist, guida la speciale classifica.

I portieri pararigori: da Sirigu a Reina

Sono stati ben 5 i portieri capaci di parare un calcio di rigore nelle prime sette partite di campionato. Tra questi, due sono del Milan: Donnarumma e Reina. L’estremo difensore titolare dei rossoneri ha neutralizzato un tiro dal dischetto di Chiesa nel ko interno contro la Fiorentina. Il suo vice è riuscito a fare ancora meglio, parando a Schone il rigore che ha consentito agli uomini di Giampaolo di battere il Genoa a Marassi. Salvatore Sirigu si conferma uno specialista nel parare i rigori. Con quello neutralizzato a Gervinho, il portiere del Torino è salito a quota sei tiri dal dischetto parati da quando è approdato in granata.

Anche Andrea Consigli è uno specialista: ha negato a Inglese la gioia del gol dal dischetto, facendo salire al 33% la sua media di rigori parati in carriera. Soddisfazione anche per Gabriel del Lecce che si è imposto davanti a Kolarov, non uno qualunque.

Le sorprese del fantacalcio: da Alfredo Donnarumma a Mancosu

Come ogni anno, non mancano di certo le sorprese. Una delle più belle risponde al nome di Alfredo Donnarumma. L’attaccante del Brescia ha dimostrato di poter segnare in ogni categoria e il suo impatto con la Serie A è stato devastante con 4 gol in 6 partite. Dalla B è arrivata un’altra delle più grandi sorprese di inizi stagione: Mancosu del Lecce. Il centrocampista dei salentini, rigorista infallibile, ha segnato già quattro gol è vanta una media voto di 8.5 nelle ultime tre gare di campionato. Sorprendente anche l’inizio di stagione della coppia formata da Chiesa e Ribery. Si parla di due top, certo, ma nemmeno i fantallenatori più fiduciosi immaginavano di ritrovarsi due centrocampisti che avrebbero giocato da attaccanti nel 3-5-2 disegnato da Montella per la sua nuova Fiorentina.

Le delusioni: da Piatek a Milik

Dopo le sorprese, bisogna fare i conti anche con le immancabili delusioni del fantacalcio dopo le prime sette giornate di campionato. Spicca Piatek del Milan, irriconoscibile. L’attaccante polacco è andato in gol in sole due occasioni, entrambe dal dischetto. La sua media voto è di 5.36, lontana anni luce da quella dello scorso campionato, quando era stato un cecchino infallibile tanto con la maglia del Genoa quanto con quella dei rossoneri. Non ride nemmeno il suo connazionale Milik del Napoli, alle prese con un infortunio che lo ha tenuto fuori ad inizio stagione. Una volta rientrato, è stato schierato solo due volte, senza mai trovare il bersaglio grosso.

Nel Napoli, colpisce in negativo l’involuzione di Allan. Il centrocampista brasiliano sta vivendo frose la sua peggiore stagione italiana, con una media voto di 5.5 che fotografa perfettamente il suo precario stato di forma. Avvio difficile anche per il capocannoniere uscente Quagliarella. L’attaccante della Sampdoria ha segnato un sol gol su rigore e sta risentendo della profonda crisi dei blucerchiati.

FANTACALCIO: LA GUIDA DI SUPERSCUDETTO

Superscudetto è tornato In palio per te un viaggio del valore di 4000 euro e tanti buoni Amazon! Scopri di più

I più letti di SKYSPORT.IT

vai a skysport.it
Iscriviti gratuitamente per giocare a Superscudetto
Cosa stai aspettando? Registrati e inizia a sfidare i tuoi amici!