Come cambia il Brescia con Grosso

5 Novembre 2019 - Francesco Fragapane

Il Brescia ha scelto Fabio Grosso per sostituire l'esonerato Corini. Ecco come potrebbe cambiare l'assetto delle 'Rondinelle' con l'arrivo del nuovo allenatore

GIOCA AL NUOVO SUPERSCUDETTO

Fabio Grosso è il nuovo allenatore del Brescia. L’eroe dei Mondiali del 2006 prende il posto di Eugenio Corini, esonerato in seguito alla sconfitta di ieri contro il Brescia. Si tratta della prima esperienza alla guida di un club di Serie A per Grosso che una volta appesi gli scarpini al chiodo, ha allenato l’Under 19 e la Primavera della Juventus e in Serie B il Bari e il Verona. Per lui un contratto fino a giugno con opzione di rinnovo in caso di salvezza.

COME CAMBIA IL BRESCIA CON IL RITORNO DI CORINI

L’avventura di Eugenio Corini al Brescia è finita dopo poco più di un anno. Subentrato nel corso della scorsa stagione, aveva portato le ‘Rondinelle’ alla promozione dalla B alla A al termine di una straordinaria cavalcata. L’avvio di campionato nella massima serie non è stato dei migliori. In undici giornate sono arrivate due vittorie, un pareggio e otto sconfitte. L’ultima, al “Bentegodi”, è costata a Corini la panchina.

LE PAGELLE DI VERONA-BRESCIA

Fantacalcio, come cambia il Brescia con l’arrivo di Grosso

Il Brescia ha scelto Fabio Grosso per sostituire Corini e tentare la scalata verso la salvezza. Il tecnico, per accettare la proposta del presidente Cellino, ha risolto consensualmente il contratto che lo legava al Verona, ironia della sorte proprio la squadra che gli ha spianato la strada verso la panchina delle ‘Rondinelle’. Nel corso della sua carriera da allenatore, soprattutto alla guida di Bari ed Hellas, Grosso ha usato principalmente il modulo 4-3-3, variandolo con il 3-5-2.

FANTACALCIO: LA GUIDA DI SUPERSCUDETTO

Il tridente è la soluzione tattica che più lo affascina. Per impiegarlo al Brescia potrebbe chiedere a Mario Balotelli di partire largo a sinistra, con Donnarumma punta centrale ed uno tra Romulo e Spalek sulla corsia opposta. Il 3-5-2, invece, potrebbe adattarsi di più alle caratteristiche dei giocatori che ha in rosa. Durante le ultime partite lo ha adottato anche Corini, senza però riuscire a trovare una vittoria che gli permettesse di evitare l’esonero. Per la prima alla guida del Brescia, si va verso il modulo a tre difensori, senza troppi stravolgimenti, per poi lavorare al 4-3-3 durante la sosta.

Brescia (3-5-2): Joronen; Cistana, Gastaldello, Mangraviti; Romulo, Ndoj, Tonali, Bisoli, Martella; Balotelli, Donnarumma.

SERIE A 2019-2020: IL CALENDARIO

TAG: