Europa League 2020 2021, il girone del Milan e le avversarie

2 Ottobre 2020 - Francesco Fragapane

Ecco il girone del Milan per la fase a gironi dell'Europa League 2020 2021. Avversarie tutt'altro che semplici per i rossoneri di Pioli.

GIOCA AL NUOVO SUPERSCUDETTO

Pochi minuti fa si è concluso il sorteggio dei gironi dell‘Europa League 2020 2021. Buone notizie per la Roma che avrà avversarie molto abbordabili, mentre il Napoli ha l’unico pericolo nella Real Sociedad. Qualche difficoltà in più invece per il Milan, che è partito dalla terza fascia: affronterà il Celtic, lo Sparta Praga e, soprattutto, il Lille, la squadra più pericolosa che poteva beccare dalla quarta fascia. La squadra di Stefano Pioli si può dire partecchio sfortunata perché poteva andare decisamente meglio. Andiamo a vedere nello specifico come giocano e quali sono i pericoli maggiori per i rossoneri.

JUVENTUS NAPOLI, LE PROBABILI FORMAZIONI

INFORTUNATI SERIE A, CHI SALTA LA 3^ GIORNATA

Celtic - La formazione

Il Celtic è una squadra sempre molto difficile da affrontare. Mister Lennon schiera i suoi con una difesa a tre, cinque centrocampisti e due attaccanti. L’obiettivo è quello di fare possesso palla e di arrivare a creare occasioni con delle buone trame di gioco. In difesa Duffy e il giovane Ajer (che piace proprio al Milan) guidano dalle retrovie, in mezzo al campo governa la bandiera Brown. Attacco pericolosissimo soprattutto con Edourd.

Celtic (3-5-2): Barkas; Ajer, Duffy, Bitton; Frimpong, Christie, Brown, McGregor, Yaylor; Edouard, Elyonoussi.

Celtic - L'allenatore

Neil Lennon ha avuto una carriera da calciatore interessante fra l’Inghilterra e la Scozia. Allena dal 2010: ha avuto subito una prima esperienza al Celtic, poi Bolto e Hibernian, fino a tornare ancora al Celtic nel 2019. Un allenatore che ha idee niente male, si concentra molto sul 3-5-2 e cerca di proporre un calcio bello e piacevole. Perfettamente in linea con la mentalità scozzese, punta sicuramente ad un futuro in Premier League.

Celtic - Calciatore più rappresentativo

Il Celtic ha in rosa diversi calciatori che meritano attenzione: fra questi c’è anche Ajer, un colosso della difesa. Ma l’uomo più pericoloso non può che essere l’attaccante Edouard, una prima punta classe 1998 dotata di tutte le caratteristiche per un centravanti perfetto. Ha fisico, è veloce e ha delle ottime doti tecniche. Il Celtic è un’ottima rampa di lancio per una carriera destinata ad esplodere.

GIOCA AL NUOVO SUPERSCUDETTO

Sparta Praga - La formazione

Lo Sparta Praga è una squadra da non sottovalutare, in alcun modo. Sicuramente è alla portata e il Milan è superiore sotto tutti i punti di vista, ma ai cechi la qualità non manca e lo sa bene anche l’Inter, affrontata lo scorso anno in Champions League. Una formazione tosta, difficile da affrontare e con qualche pericolo soprattutto in zona offensiva.

Sparta Praga (4-3-1-2): Heca; Sacek, Plechaty, Celutska, Hanousek; Moberg, Krejci, Krejci; Dockal; Hlozek, Julis.

Sparta Praga - L'allenatore

Classe 1952, ha giocato per lo Sparta Praga per quasi dieci anni ad inizio carriera. Negli anni ’90 ha cominciato ad allenare e ha accumulato un bel po’ di esperienza, ma senza mai andare oltre. L’anno scorso ha allenato lo Sparta Praga B, poi il passaggio alla prima squadra da pochi mesi.

Sparta Praga - Calciatore più rappresentativo

Hlozek non è soltanto il calciatore più rappresentativo dello Sparta Praga, è anche uno dei futuri campioni del calcio mondiale. Un talento cristallino il suo: ha iniziato da trequartista, adesso è praticamente un attaccante. Un calciatore fortissimo di cui sicuramente sentiremo parlare fra non molto tempo.

GIOCA AL NUOVO SUPERSCUDETTO

Lille - La formazione

Era la squadra da evitare poiché la più forte della quarta fascia. Purtropo per il Milan è andata male, ma resta comunque un avversario alla portata. Il pericolo numero uno è rappresentato dai tanti giovani presenti in rosa. Tra l’altro è una squadra ben allenata da Galtier e con un sistema di gioco definito. Tanto potenziale in avanti e buona difesa.

Lille (4-4-2): Maignan; Celik, Fonte, Botman, Bradaric; Araujo, Soumare, André, Bamba; Yilmaz, David.

Lille - L'allenatore

Galtier ha avuto una buona carriera da calciatore. Poi, ad inizi anni 2000, ha cominciato ad allenare e ha ottenuto risultati positivi. Ha sempre allenato in Francia, con sole due esperienze al di fuori: Salonicco e Portsmouth, poi solo squadre francesi. E’ al Lille dal 2017: ha cresciuto molti talenti e sempre con grandi spunti tattici.

Lille - Calciatore più rappresentativo

Perso Osimhen (passato al Napoli per 70 milioni), il Lille ha deciso di affidarsi ad un calciatore di esperienza: Burak Yilmaz. Ed è lui il pericolo numero uno per la difesa del Milan. Un centravanti completo, con caratteristiche moderne e che creano non pochi pericoli.

TAG: