Malenia era il boss più forte del gioco già nella versione 1.0

2 Agosto 2022 - Francesco Fragapane

Un dataminer ha scoperto che Malenia, uno dei boss più difficili di Elden Ring, era ancora più forte in una versione precedente del gioco

Gioca a Superscudetto

Malenia è uno dei boss finali più pericolosi di Elden Ring. Il personaggio ha suscitato innumerevoli discussioni da quando il videogioco FromSoftware è stato messo in vendita, conquistando milioni di giocatori in tutto il mondo.

VIDEO JUVENTUS-REAL MADRID 0-2: GOL E HIGHLIGHTS

Elden Ring, la scoperta: Malenia era ancora più forte nella versione 1.0

Un dataminer ha scoperto che il boss era ancora più difficile da sconfiggere nella prima versione del gioco. La scoperta porta la firma di un dataminer conosciuto nella community online del gioco con il nome di kotn3l che ha già sconfitto il boss più di 2.000 volte.

CONSIGLI FANTACALCIO: I NUOVI GIOCATORI STRANIERI DA PRENDERE ALL’ASTA

Secondo kotn3l, nella versione 1.0 prima della patch di Elden Ring, Malenia aveva una maggiore aggressività durante il combattimento. Il personaggio, inoltre, era anche più abile nel momento in cui doveva bloccare gli attacchi degli avversari. Malenia era anche dotato di una variante più potente di Waterfowl Dance, la sua mossa caratteristica.

Il dataminer sostiene che la mossa di Malenia, in origine, si chiamava originariamente Malenia’s Sword invece di Waterfowl Dance. Nella versione 1.0 prima della patch, il boss aveva un secondo attacco speciale in movimento che percorreva meno distanze e non faceva lunghe pause. Per via della somiglianza dei movimenti di questo attacco con quello della versione finale, il dataminer ha ipotizzato si trattasse di una variante di questo caratteristico attacco.

A differenza delle versioni successive in cui Malenia deve arrivare all’80% della sua salute per iniziare a usare il suo attacco a raffica, in quella precedente non c’era questa restrizione. Il boss, dunque, poteva usare la sua più potente abilità dall’inizio della partita.

VIDEO INTER-LIONE 2-2: GOL E HIGHLIGHTS