Call of Duty Warzone, i cheater si nascondono sotto la mappa

18 Maggio 2021 - Francesco Fragapane

I cheater di Call of Duty Warzone hanno scoperto un glitch che permette di nascondersi al di sotto della nuova mappa Verdansk 84

Chi vincerà gli Europei? Gioca su Sky Euro Bracket

Non si ferma l’attività dei cheater di Call of Duty Warzone. Nonostante Activision abbia bannato più di 500 mila giocatori scorretti nelle scorse settimane, la presenza di cheater all’interno del celebre capitolo della saga di Call of Duty continua senza sosta.

VIDEO JUVENTUS-INTER 3-2: GOL E HIGHLIGHTS

La presa di posizione da parte di Activision non è bastata a fermare l’esercito degli utenti scorretti. Questi, sfruttando diversi spazi all’interno della mappa per nascondersi agli occhi degli avversari, hanno continuato a vincere tante partite senza alcuno sforzo.

TUTTI I GIOCHI IN USCITA NEL 2021

Call of Duty Warzone: i cheater si nascondono sotto la nuova mappa

I cheater, infatti, hanno subito scoperto un glitch presente all’interno della nuova mappa di Verdansk 84. La mappa ha fatto il proprio debutto nella Stagione 3 di Call of Duty Warzone e di Call of Duty Black Ops Cold War. Il bug consente di nascondersi letteralmente sotto il terreno. Così facendo, i giocatori non possono essere visti dai nemici in alcun modo. Restando nascosti sotto terra, sono in grado di sparare e colpire i propri avversari, vincendo praticamente a mani basse senza correre rischi.

CALL OF DUTY WARZONE: 5 TRUCCHI AVANZATI

Il team di Activision è al corrente di questa situazione. Al momento gli sviluppatori stanno lavorando per risolvere al più presto il problema. L’obiettivo, inoltre, è quello di trovare un nuovo sistema per rendere ancora più dura la vita a tutti i cheater del gioco. In aiuto dei giocatori leali potrebbe arrivare la nuova patch di Warzone che verrà rilasciata a breve. Il nuovo file di aggiornamento preparato da Activision, inoltre, dovrebbe risolvere diversi problemi legati al bilanciamento delle armi.

COD WARZONE: ARRIVANO RAMBO E JOHN MCCLANE