Call of Duty Warzone, un nuovo bug riguarda le taglie

28 Giugno 2021 - Enrico Gorgoglione

Spunta un nuovo bug relativo alle taglie su Call of Duty Warzone: tanti utenti non riescono a riscuotere i premi delle missioni

Chi vincerà gli Europei? Gioca su Sky Euro Bracket

Spunta un nuovo bug su Call of Duty Warzone giunto alla sua quarta Stagione. Il problema che attanaglia i giocatori del titolo della saga di COD riguarda le taglie. La scorsa settimana Raven Software aveva risolto il problema della porta assassina che era in grado di uccidere gli utenti in maniera istantanea.

VIDEO ITALIA-AUSTRIA 2-1: GOL E HIGHLIGHTS

Dopo l’atteso debutto della Stagione 4 di Warzone, è stato rilasciato un update con il quale sono state introdotte numerose new-entry nel free-to-play del battle royale. Nonostante la risoluzione di diversi problemi, ne è sopraggiunto subito un altro. Il bug rende impossibile riscuotere le ricompense relative al completamento dei contratti.

TUTTI I GIOCHI IN USCITA NEL 2021

Call of Duty Warzone: il bug delle taglie

I giocatori stanno facendo i conti con tutta una serie di problemi legati alle taglie che richiedono di rintracciare ed eliminare un avversario presente all’interno della mappa. Gli obiettivi in questione sono ben pagati e spesso riservano anche dei suggerimenti per tutti i videogiocatori relativi alla posizione del team avversario o del singolo nemico da neutralizzare.

CALL OF DUTY WARZONE: LE NOVITÀ DELL’ULTIMO AGGIORNAMENTO

All’improvviso il completamento delle missioni non viene riconosciuto nemmeno dopo aver avuto la meglio sui propri avversari. Di conseguenza diventa impossibile riscuotere le ricompense legate alle missioni. Andando a consultare la mappa dopo le uccisioni, inoltre, i nemici risultano ancora vivi, anche se presenti fuori dall’area di gioco oppure all’interno del Gulag.

CALL OF DUTY WARZONE: IL MISTERO DELLA PORTA ASSASSINA

L’ultimo bug di Warzone, in poche parole, impedisce ai vincitori di essere retribuiti dopo aver completato le missioni con tanto sudore e impegno. La speranza degli utenti è quella che gli sviluppatori riescano a intervenire molto presto per risolvere questo spiacevole bug.