Superscudetto, tutte le variazioni delle quote dopo la 12^ giornata di serie A

14 novembre 2018

Diversi sono stati i protagonisti in positivo ed in negativo nella 12/a giornata di campionato. Scopriamo insieme i loro valori ed i potenziali nuovi affari per Superscudetto

Dopo la 12/a giornata di campionato si registrano al solito variazioni significative di quotazioni per quanto riguarda il nostro prestigioso Superscudetto. I valori mutano sia in positivo che in negativo, e spiccano due top players del Napoli. Dries Mertens e Lorenzo Insigne, dopo la vittoria della loro squadra in casa del Genoa, incrementano le rispettive quotazioni di 5 milioni. Alla prima giornata ‘costavano’ 55 e 53 mln rispettivamente, adesso c’è bisogno di arrivare a 60 e 58 per aggiudicarsi entrambi gli assi di Carlo Ancelotti. Anche se Insigne aveva raggiunto il suo massimo di 59 alla 7/a giornata. Tra i calciatori più ambiti di Superscudetto figura naturalmente Cristiano Ronaldo, e non potrebbe essere altrimenti. Per avere lo juventino occorre sborsare 66 mln, a fronte dei 65 della prima giornata. E potrebbe essere ‘conveniente’ puntare sull’intemperante Gonzalo Higuain: il milanista adesso è quotato a 54, quando all’inizio si assestava su un valore di 58. Ma dopo il cartellino rosso rimediato contro la Juventus domenica sera ed una prova assai negativa, fiducia e quotazione del Pipita sono andate in calo. Ci si potrebbe fare un pensierino, ammesso che ci siano volontà e necessità di aspettare dicembre, quando Higuain tornerà in campo.

Valori Serie A, tanti outsiders

Dopo la 12/a giornata sono in saldo positivo invece Mauro Icardi e Ciro Immobile, oltre a Leonardo Pavoletti, che al Cagliari garantisce la titolarità ed anche dei gol (già 6 in stagione). Non ha segnato, ma l’attuale capocannoniere del campionato, Piatek, dal 5 iniziale che valeva, resta ora a 36. Una cifra decisamente allettante. In quel range si inseriscono gli altrettanto affidabili Gervinho (35) e Defrel (37), oltre a Iago Falque (40). Lì si trova anche Giovanni Simeone, il quale però è in caduta visto che sta vivendo un digiuno di gol alla Fiorentina. Solo 2 i gol in 12 apparizioni per l’argentino, l’ultimo dei quali a settembre. Da 50 mln iniziali, il figlio di Diego è sceso a 37. Un brusco calo c’è stato pure per Dybala, Perotti e Dzeko, che costano rispettivamente 48, 47 e 46 mln ma che ad inizio stagione di Superscudetto erano accreditati di una decina di milioni in più. Stabile a 34 il romanista El Shaarawy invece, nonostante la doppietta alla Sampdoria. Ad oggi può risultare utile puntare proprio su quegli elementi che rispetto ai mesi scorsi costano meno. Parliamo di Lautaro Martinez, un pò sparito nelle ultime settimane ma che con un allettante 29 può rappresentare una scommessa potenzialmente vincente dato il suo buon inizio ed una stagione ancora molto lunga.

Occhio all’affare: Ilicic, Pjanic e Zielinski aspettano solo voi

Pure Justin Kluivert ora costa di meno: con 29 potreste portarvi a casa il giallorosso. Occhio a Federico Chiesa: il suo 30 attuale è ancora relativamente basso, a Frosinone è stato il migliore dei suoi. E Berardi del Sassuolo è sceso a 33. Il parmense Inglese invece mantiene il valore di 31 con cui era partito ad agosto. Ma un colpaccio sarebbe Josip Ilicic: fatelo vostro con un investimento di soli 25 mln; vale quasi lo stesso per Nainggolan (26) e Benassi (23). Con loro la mediana garantirebbe almeno 8 gol in due. Si sono un pò fermati in fase di realizzazione Kevin-Prince Boateng ed il milanista Bonaventura, ma ora potreste ‘ingaggiarli’ tutti e due a 25. E costa anche meno Sergej Milinkovic-Savic (24, rispetto al 30 della prima giornata). Gli affari comunque sono tantissimi e comprendono anche Zielinski (25), Pjanic (24) e la possibile sorpresa Pussetto (21).

Asse Napoli, tanti azzurri fanno gola

E che dire dei napoletani Fabian Ruiz (20) ed Allan (22)? Voti alti per entrambi, con il primo però che sembra più soggetto al turnover proprio con Zielinski. Vale lo stess anche per Hamsik (21), ma è tutta gente che comunque giocherà parecchie partite quest’anno. Impossibile poi non citare Bernardeschi, che costa relativamente poco (22) ed il suo bottino di gol lo assicura sempre. In difesa occhio a Kolarov (20), titolarissimo dellla fascia sinistra della Roma e con licenza di segnare. Così come il talento dell’Empoli, Zajc (17). Ma sapete quanto costa Koulibaly? Soltanto 19 mln. Con il senegalese e Manolas (18) ecco una coppia di centrali dalla media voto notevole. Altrimenti c’è sempre Acerbi della Lazio, che ora costa 17. In porta Szczesny è una sicurezza a 23, il romanista Olsen è una buona alternativa a 20, al pari di Lafont della Fiorentina a 17. Ma gli affari che vi aspettano sono tanti, mettete alla prova la vostra abilità con Superscudetto.